I gatti non sentono la vostra mancanza quando non ci siete

I gatti non si preoccupano di voi e non sentono la vostra mancanza quando non ci siete. Lo conferma uno studio, secondo il quale cani e bambini sviluppano un attaccamento ai propri umani, mentre i felini non mostrano lo stesso tipo di legami.
Per giungere a questa conclusione i ricercatori hanno messo i gatti in situazioni insolite, facendoli interagire con degli sconosciuti, registrandone le reazioni. Lo studio ha rivelato che i gatti non soffrono di ansia da separazione, come fanno i cani, e il loro lamento può invece essere semplicemente un segno di frustrazione.

I cani sono ben noti per essere compagni fedeli e devoti, mentre i loro omologhi felini sono in genere freddi e distaccati. Ora i ricercatori hanno scoperto che questo è dovuto al fatto che i gatti non vedono i loro proprietari come fonte di sicurezza nello stesso modo dei cani, cosa che li rende molto più indipendenti.
In particolare, gli studiosi hanno rilevato che i gatti non soffrono di ansia da separazione e qualsiasi suono che emettono quando il loro proprietario non è in casa è probabile che sia dovuto a noia o frustrazione.

Lo studio è stato condotto da Daniel Mills, professore di veterinaria comportamentale di Medicina presso l’Università della Lincoln School of Life Sciences. Il professore ha spiegato che i gatti, nonostante siano riconosciute loro più attitudini sociali di quanto si pensasse, in realtà sono più autonomi anche nelle loro relazioni sociali. Ciò significa che non necessariamente dipendono dagli altri per provare un senso di protezione.

Un test noto come Ainsworth Strange Situation Test (SST) è stato utilizzato per dimostrare che il legame tra i bambini e i cani al loro genitore risponde in genere ai requisiti di ciò che è noto come un “attaccamento sicuro”. Ciò significa che si prende cura di loro viene visto come necessario per il senso di sicurezza nelle situazioni percepite come pericolose.

Commenti

commenti