CENNI STORICI

Il Maine Coon è nato dall’incrocio di gatti americani del nord-est del paese e quelli d’Angora, importati dai primi coloni britannici. Ed è per questo che fu il primo gatto ad acquisire il proprio standard di razza negli Stati Uniti d’America già nell’Ottocento.

Narra la leggenda che il Maine Coon discenda dai gatti d’Angora che il marchese di Lafayette portò con sé in America, dono da lui ricevuto da parte della Regina Maria Antonietta, poco prima che questi partisse per le Americhe e questa credenza conferisce un’aurea regale a questo gatto cacciatore. C’è addirittura la diceria, impossibile geneticamente, che questa razza felina sia nata dall’incrocio tra i gatti selvatici locali e gli orsetti lavatori, dei quali ricordano un po’ l’aspetto.

Nel 1860 i Maine Coon parteciparono quale razza riconosciuta a un’esposizione felina statunitense e già allora riscossero grande successo. Solo negli anni Cinquanta del Novecento, però, venne fondato il primo Club dedicato a lui, così che il Maine Coon ritrovò tutto il suo prestigio, che negli anni precedenti era stato offuscato dai Persiani e dai Siamesi. In Italia il Maine Coon comparve solo nel 1986 su un mensile del settore; da allora la diffusione della razza è in continua espansione e i sono ormai protagonisti di successo nelle esposizioni feline.

Maine Coon
Maine Coon

CONTINUA A PAG. 2

Commenti

commenti