Gatti all’estero

Se si vuole portare il proprio gatto all’estero, la prima cosa da fare è quella di dotarlo di passaporto, anche se non tutti i Paesi lo richiedono. Ogni nazione possiede un proprio regolamento in merito agli animali, quindi, prima di partire è meglio rivolgersi all’ambasciata del Paese di destinazione.

cat passport 3

Se sorgono complicazioni e non potete fare a meno di viaggiare e di portare il vostro gatto con voi ci sono delle agenzie che si occupano dell’organizzazione dei viaggi per gli animali. In alcuni Paesi vige anche la quarantena per sei mesi prima di poter entrare; una pratica utilizzata in strutture adeguate del Paese di destinazione, per verificare che l’animale non presenti malattie contagiose.

Commenti

commenti