La rivincita di Romeo, il gatto “troppo brutto” per essere adottato

Una malformazione alla nascita ha reso il muso di Romeo diverso da quello dei suoi fratellini. Per molto tempo nessuno voleva adottarlo ma infine una giovane coppia ha visto in lui una bellezza unica

Era considerato troppo brutto per essere adottato e amato. Romeo dopo tanta attesa ha trovato una famiglia che lo accudisse e coccolasse come meritava: due persone speciali come lui che hanno visto oltre l’aspetto esteriore e capito quanto amore avesse da offrire.

L’aspetto di Romeo è dovuto a una malformazione al muso che lo ha reso meno bello dei suoi fratellini. Ed è stato l’ultimo della cucciolata a trovare chi l’adottasse. Romeo era accudito presso il Santuario Compasion Animal, in Spagna, in attesa di qualcuno che lo accogliesse in casa e lo amasse.

Laura Llacer e suo marito hanno guardato oltre il suo aspetto, vedendolo subito come una bellissima palla di pelo in cerca d’amore.

«Ci hanno detto che in molti lo hanno rifiutato perché lo consideravano troppo brutto. Ma per noi è un gatto bellissimo e unico: le sue differenze lo rendono speciale».

«La gente non capisce che essere diversi non è un problema. Speriamo che questo modo di pensare cambierà mostrando la vita quotidiana di Romeo: lui è il gatto più amato che ci sia e vive una vita piena, quella che ogni cucciolo vorrebbe».

È trascorso più di un anno da quando Romeo ha trovato la sua casa. Ora che è cresciuto può esibire non solo il suo viso unico, ma anche una  pelliccia folta e morbidissima, di color zenzero. «Romeo è bello. E lui lo sa!».

Potete guardare altre foto e video di Romeo sulla sua pagina Instagram.

Commenti

commenti