Dopo quattro anni di pazienti ricerche, i cuccioli di gatto della sabbia sono stati finalmente immortalati da una macchina fotografica per la prima volta.
I gattini, di età compresa tra le sei e le otto settimane, sono stati avvistati da una grande organizzazione chiamata Panthera, che ha trascorso circa un’ora a scattare foto ai gattini prima di accarezzare una femmina adulta ritenuta la loro madre.

La squadra, guidata dai biologi Grégory Breton e dal dottor Alexander Sliwa, ha notato i cuccioli durante il tragitto verso un campo nel Sahara marocchino, nell’aprile di quest’anno. Seguendo tre coppie di occhi che brillavano nell’oscurità, i ricercatori sono rimasti a bocca aperta di fronte alla scoperta, quando hanno realizzato di cosa si trattasse.

Immagini: Grégory Breton

“Trovare questi gattini è stato sorprendente”, ha dichiarato Breton, amministratore delegato di Panthera France. “Crediamo che questa sia stata la prima volta che dei ricercatori abbiano mai immortalato cuccioli di gatto selvatico della sabbia nella loro variante africana”.

I gatti della sabbia sono l’unica specie di gatto che vive esclusivamente nel deserto. Possono essere trovati in Nord Africa, Medio Oriente e Asia centrale, ma come ha scoperto il team di ricerca, la loro localizzazione è incredibilmente difficile a causa della loro straordinaria capacità di eludere il rilevamento. I loro manti color sabbia rendono difficile la loro localizzazione e le loro zampe di pelo non lasciano impronte nella sabbia. Si spostano solo nell’oscurità e sono abili a mimetizzarsi, quindi il fatto che la squadra sia stata in grado di catturare il filmato sorprendente che mostriamo qui sotto è semplicemente eccezionale.

Quanto siano adorabili questi cuccioli è evidente dalle immagini che seguono. E, prima che ve lo chiediate, non potete possederne uno come animale domestico.

Immagini: Grégory Breton

Immagini: Grégory Breton

Immagini: Grégory Breton

Immagini: Grégory Breton

Immagini: Grégory Breton

Immagini: Grégory Breton

Immagini: Grégory Breton

Immagini: Grégory Breton

Commenti

commenti