All’inglese Percy Shaw bastò guardare un gatto che attraversava la strada di notte per avere l’intuizione di ideare e sviluppare qualcosa che oggi tutti conosciamo: il catarifrangente. Installato su vari dispositivi, ma anche in dotazione sull’abbigliamento di sportivi e non, il catarifrangente è ora un dispositivo molto diffuso e utilizzato per aumentare la sicurezza su strada.

Il catarifrangente non è altro che un dispositivo costituito da un gran numero di particolari lenti uguali, dette catadiottri, ricavate su una placca di vetro o di plastica, adoperato soprattutto per delimitare le sagome dei veicoli o di ostacoli che fiancheggiano la strada.
Dato ormai per scontato, il catarifrangente nacque dall’osservazione che Shaw fece della luce riflessa dagli occhi dei gatti nelle ore notturne e, come sempre, anche dietro questa invenzione c’è una leggenda. C’è chi dice che successe tutto in una serata nebbiosa, mentre Percy Shaw rientrava a casa nello Yorkshire, dopo essere stato al pub. Forse aveva bevuto una birra di troppo e la strada buia era anche impervia e mentre Shaw era al volante della propria auto e stava pensando a come si potesse rendere più sicura la circolazione stradale senza però dover ricorrere all’illuminazione elettrica, improvvisamente un gatto gli si parò davanti. I suoi occhi abbaglianti, per la luce riflessa, lo fecero arrestare: solo così si accorse di essere sul lato opposto della strada. Grazie a quel gatto aveva evitato un possibile incidente, dato che aveva invaso la corsia opposta. Capiì subito l’importanza dell’accaduto e si mise subito all’opera.ù

Quanto successo si materializzò in una idea geniale dell’inglese, ossia una borchia che aveva due occhi rifrangenti: si chiamavano “Catseye- occhio di gatto”. Dopo essere stata brevettata nel 1934, la borchia “Catseye” fu prodotta a partire dall’anno successivo. A causa della Seconda Guerra Mondiale, l’avvio fu però stentato ma subito dopo l’impresa di Shaw decollò grazie una commessa del Ministero dei Trasporti britannico. Ne seguì l’esportazione in tutto il mondo. Percy Shaw ottenne talmente tanto successo che nel 1965 la Regina Elisabetta II lo onorò con il titolo di Ufficiale dell’ordine dell’Impero Britannico.
Non c’è dubbio che questa semplice intuizione di Shaw ha considerevolmente aiutato a ridurre le lesioni su strada e sul lavoro di tutti noi. E questo grazie agli occhi dei gatti.

Commenti

commenti