La stampa in questi giorni riporta un’agenzia appena pubblicata circa uno studio che dimostrerebbe che i cani amano più dei gatti. Questa notizia si basa sulla ricerca inedita condotta dal neuroeconomista Dottor Paul Zak, venuta alla luce nell’ambito del programma trasmesso su BBC2 dal titolo “Cats vs Dogs: Which is best? – Gatti contro Cani: chi è il migliore?” e che ha rivelato che i cani producono più ossitocina, “l’ormone dell’amore”, dopo aver giocato con i proprietari rispetto a quanto ha fatto la loro controparte felina.
L’esperimento ha coinvolto venti coppie di umani-animali domestici: 10 cani e 10 gatti accanto ai loro proprietari.

L’ossitocina è un ormone prodotto dall’ipotalamo e secreto dalla neuroipofisi, che possiede la capacità di regolare i comportamenti sociali, sessuali e materni. È una sostanza chimica del cervello, di natura proteica, e il Dottor Zak, membro del Dipartimento di Neurologia del centro medico all’Università di Loma Linda in California, ha voluto scoprire se i livelli di questa differivano nei due animali, dato che si ritiene il gatto più indipendente nel legami con gli esseri umani rispetto al cane.

Il neuroeconomista ha preso campioni di saliva da tutti e venti gli animali d’affezione dello studio, sia poco prima sia dopo aver giocanto o semplicemente interagito con i rispettivi proprietari, e ha misurato i livelli di ossitocina. Già precedenti studi giapponesi hanno evidenziato che sia i cani sia i loro proprietari rilasciano “l’ormone dell’amore” quando questi sono insieme, soprattutto mentre scambiano un contatto visivo, facilitando e rafforzando la formazione di una stretta relazione tra loro. Un numero nettamente minore è quello di studi che hanno esaminato lo stesso comportamento con i gatti.

Da quanto emerso nel documentario proposto dal canale BBC2, in media nei cani è stata rilevata una produzione di ossitocina di quasi cinque volte superiore a quella secreta dai gatti: dopo aver interagito con i loro compagni umani, nei cani i livelli dell’ormone nella saliva sono cresciti al 57,2 per cento rispetto al 12 per cento iniziale; mentre solo la metà dei gatti ha mostrato un aumento dei livelli dell’ormone.

Cane e gatto
Cane e gatto

Anche se questo non significa esplicitamente che i cani ci amano cinque volte più di quanto facciano i gatti, lo potrebbe però far sembrare.

In generale, i felini sono più solitari dei canidi. I lupi, da cui derivano i cani, sono animali altamente sociali, che vivono e cacciano in branco, mentre molti gatti si procacciano il cibo da soli. L’elevata produzione di ossitocina ha dimostrato, secondo Zak, come sia facilitato il legame sociale dei cani verso altri, e può quindi aiutarli nel saldare la propria relazione verso gli esseri umani e gli altri cani: già molti studi hanno suggerito che i gatti non hanno attaccamento con i loro proprietari, in quanto autosufficienti e meno inclini a eccessi, mentre i cani dipendono di più dai loro esseri umani.

Uno studio, quello dello dottore californiano, che ha tenuto in considerazione la sola produzione di un elemento chimico, trascurando altri importanti fattori del complesso mondo delle relazioni sociali. In questa analisi sono stati valutati solo i dati numerici del rilievo di un ormone e non i fattori comportamentali e ambientali che influiscono enormemente nell’analisi psicologica dell’atteggiamento di un essere.

Siamo certi che questo studio non potrà che creare grande polemica a riguardo dell’attendibilità dei risultati evidenziati.

Commenti

commenti