I rifugi spesso sono sovrappopolati da cucciolate di gatte non sterilizzate e sono tanti i gruppi di soccorso che offrono un aiuto agli animali senza un tetto. All’estero, ma anche in Italia, esistono strutture come rifugi che si adoperano per fornire un riparo agli amici a quattro zampe, ma non solo, che hanno bisogno di una casa e cure. I gattini appena nati spesso non ce la fanno a causa delle difficile condizioni in cui sono venuti alla luce e non è raro muoiano a pochi giorni di vita.

A San Diego, negli USA, la Kitten Nursery della Humane Society si prende cura ogni anno di migliaia di gattini orfani. Questi micini richiedono cure 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Non sempre chi si occupa di dare un riparo o una casa a un trovatello riesce ad offrire le attenzioni sanitarie e mediche necessarie per la crescita di questi gatti e quindi il reparto neonatale di questo centro veterinario americano offre un programma dedicato.

La Kitten Nursery della Humane Society di San Diego si prende cura di più di 2.000 gattini orfani ogni anno che, senza di loro, non vivrebbero, anche a causa della mancanza di risorse per le cure intensive necessarie a far crescere questi piccoli randagi, anche grazie alle donazioni che riceve e che permettono a questi gatti di trovare una casa dove poi vivere. Il programma di questo reparto neonatale felino fu avviato nel 2008 ed è nato anche con il fine di sensibilizzare le persone verso un serio approccio alla sterilizzazione, unico mezzo valido per il controllo della popolazione felina, senza la quale non è possibile limitare il fenomeno del randagismo e dell’abbandono.

“I gattini della nursery vengono trasferiti poi verso dei rifugi”, ha detto Stacy Archambault, responsabile della comunicazione del centro. “Noi ci preoccupiamo per i gattini appena nati, che arrivano fino a sole 2 settimane di vita e che quindi hanno bisogno di cure 24 ore al giorno”. Grazie a questa organizzazione, che ha messo a punto un programma dedicato per i gatti, il tasso di sopravvivenza dei micini è in aumento: “Senza questi servizi offerti da noi, i gattini non potrebbero sopravvivere da soli”, spiega ancora la Archambault.
È grazie all’intenso lavoro di tutto il personale di questa unità che anche i gattini del video hanno trovato una casa.

Dovremmo ringraziare l’infermiera della Humane Society di San Diego che che ha indossato una camera per un giorno per mostrarci cosa vuol dire lavorare in un nursery felina. Ci si scioglie nel vedere questi gattini nutrirsi dal biberon, trovare un po’ di calore nelle calde coperte dove vengono avvolti e nel guardare la tenerezza del micio che viene spazzolato con uno spazzolino da denti.

GoPro: 24-Hr Kitten Nursery from Cole and Marmalade on Vimeo.