Il fatto risale a qualche giorno fa, e ha interessato la linea ferroviaria Adriatica all’altezza di Pescara. Tutti i treni di passaggio sulla linea sono stati fermi per 45 minuti, in modo che gli addetti potessero portare in salvo un gatto bloccato sulla barriera antirumore della ferrovia.

La segnalazione è stata rivolta all’Oipa di Chieti nel primo pomeriggio, che ha allertato la polizia ferroviaria in modo che fosse disposto il blocco. Un avviso era arrivato anche ai vigili del fuoco, già in mattinata, che però non erano ancora potuti intervenire a causa del forte transito dei treni.

L’unico modo per salvare il gatto, che nel frattempo si lamentava ininterrottamente, reggendosi in equilibrio a circa otto metri di altezza, messo in pericolo da ogni treno di passaggio, era predisporre uno stop totale al traffico ferroviario. E così è stato, per mezzo della polizia ferroviaria.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, gli agenti della Polfer e un volontario munito di trasportino e gabbia trappola. Si sono avvicinati al gatto che, come previsto, è fuggito sui binari disorientato dalle luci e dalle persone in avvicinamento.

Il micio è stato subito sottoposto ad un controllo, che ha rilevato qualche ferita superficiale. Dall’Oipa di Chieti riferiscono che una volta recuperato il gatto era stremato, sporco di sangue, ferito lievemente ma fortunatamente vivo. Senza l’arrivo dei soccorsi sarebbe sicuramente andata molto peggio.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=898447207628141&id=177366573069545

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui