L’American Curl

Un musetto dolce e le orecchie arricciate conferiscono un’espressione buffa a questo gatto scaltro.

L'American Curl
L'American Curl

La traduzione letterale di American Curl è “americano riccio”. Un nome più che appropriato dato che questa razza fu scoperta in California, negli USA, e che la caratteristica che contraddistingue questi gatti è quella di avere orecchie arricciate all’indietro.

Un gatto, insomma, dall’aspetto un po’ buffo, con carattere socievole e che ben convive con tutti gli elementi della famiglia.

1CENNI STORICI

Le orecchie girate all’indietro, caratteristica dell’American Curl

La razza degli American Curl è relativamente recente, dato che venne registrata per la prima volta nel 1985. Una gatta randagia venne adottata da una coppia californiana di Lakewood e questa diede alla luce quattro gattini tra cui due con la caratteristica delle orecchie arricciate all’indietro. Attraverso, poi, una serie di selezioni, nacque questa razza che venne riconosciuta dal TICA a Palm Spring negli anni Ottanta.

Il gene che determina questa particolare caratteristica è dominante e quindi è sufficiente che solo uno dei due genitori ne sia portatori perché i cuccioli poi lo manifestino.

Indietro